Cerca
  • Giovanni Ricci Armandi

Lo Shock della Tax Reform mette il turbo all'economia degli USA.

Numeri impressionanti davvero, solo Apple riporterà in USA 250 miliardi di dollari pagando solo il 15% di tasse. Tuttavia la parte dello scudo fiscale non e' centrale nella nuova normativa perché la nuova normativa vuole soprattutto alleggerire il loro carico fiscale stimolando nuovi progetti innovativi per riavviare il volano dell'espansione economica, riportando il lavoro entro i confini nazionali con un nuovo paradigma per l'economia mondiale con cui tutti dovranno fare i conti.


Più che una riforma fiscale è una riforma del capitalismo. Alla sua base c’è un disegno geopolitico di rilancio dell’America basato sugli investimenti: spinta alle imprese e fine del declino. (G. Tremonti sul Corriere della Sera)

Le aliquote d’impresa crollano dal 35% al 21%, ma mantenendo buona parte delle detrazioni tipiche del sistema Americano che al netto delle tasse federali porteranno la tassazione reale delle imprese a livelli di competitività assoluta con buona pace dell'Europa che per ora sta' a guardare limitandosi a qualche timida protesta.


Il rovescio della medaglia sara' una crescita dell'indebitamento di altri 1.400 miliardi in 10 anni dagli attuali 20.000. Un punto che preoccupa vari economisti, ma poco percepito dalla base elettorale del Presidente Trump che invece vede una conferma concreta delle promesse elettorali con l'aumento di investimenti e posti di lavoro in USA.

oneri e le aziende sprizzino ottimismo. compresa l'apertura di un secondo quartier generale.


10 visualizzazioni

© 2017 by 4GRAFIN, INC.